Chi è Marco Marzaduri

Il Dottor Marco Marzaduri esercita la professione di psicologo, psicolterapeuta e ipnotista avvalendosi altresì dell'ipnosi regressiva. Per quanto riguarda il percorso formativo, Marco Marzaduri ha ottenuto nel dicembre del 2016 la laurea all'università di Bogotà alla facoltà di Psicologia Clinica. Nella stessa città ha anche ottenuto, a seguito di un percorso formativo, un ulteriore titolo in ipnosi terapia.
Nell'anno 2017 ha terminato il suo percorso di studi a Malta conseguendo la laurea equiparata in Psicologia.
L'8 Agosto 2017 ha ottenuto il titolo di ipnologo-ipnotista e di counselor e advisor in psicologia a seguito del percorso di studi alla scuola di ipnosi costruttivista. Il Dottor Marco Marzaduri ha collaborata con il Dott. Marco Chisotti come tirocinante dall'anno 2014. Successivamente, nel 2017, il Dott. Chisotti gli ha conferito la nomina di CEO della Scuola di Impnosi Costruttivista e del A.E.R.F. (Associazione Europea per la Ricerca Scientifica e la Formazione). Marco Marzaduri, inoltre, ha ricevuto l'incarico come referente internazionale e docente A.E.R.F.-S.I.C. a Malta.
È iscritto all'ordine degli psicologi colombiano e a quello maltese ed è Associate Member della Malta Chiambert of Psychologist. Offre ai pazienti prestazioni nell'ambito della psicologia, psicoterapia e ipnosi.

Relazione tra ipnosi e psicologia

L'ipnosi è una procedura attraverso la quale lo psicologo induce nel paziente uno stato di rilassamento a livello fisico e psicologico. Lo stato ipnotico, dunque, consente di agire sia a livello psicofisico che comportamentale. Per questa ragione, essa viene impiegata da alcuni terapeuti e prende così il nome di ipnoterapia. Nell'ambito della psicoterapia e del colloquio psicologico, lo psicologo e in particolare lo psicoterapeuta può avvalersi dell'ipnosi per intervenire sul disturbo. Durante lo stato di rilassamento la coscienza riduce la sua reattività mentre l'inconscio è reattivo. L'ipnotista, dunque, suggerisce al paziente suggestioni terapeutiche sulla base del disturbo, del malessere o della psicopatologia da curare. L'ipnosi, dunque, ha lo scopo di aiutare il paziente a riorientare i propri significati personali inconsci e le proprie rappresentazioni mentali al fine di sciogliere eventuali disagi e superare il momento di difficoltà psicologica.


Dottor Marco Marzaduri

Cosa cura l'ipnosi

L'ipnosi nell'ambito della psicoterapia può essere utilizzata per curare diversi malesseri e disturbi legati alla psiche tra cui:

  • ansia;
  • attacchi di panico;
  • dipendenze;
  • fobie;
  • dolore da perdita o distacco;
  • depressione;
  • disturbi psicosomatici;
  • stress;
  • disturbi alimentari.

Nello specifico, inducendo lo stato ipnotico nel paziente, lo psicoterapeuta permette che esso sia maggiormente recettivo. Questo permetterà al professionista di accedere al suo inconscio in maniera più semplice rispetto ad una normale seduta. Spesso, infatti, le informazioni racchiuse nell'inconscio non emergono e dunque non possono essere utilizzare nel percorso terapeutico. In questo modo, liberano il paziente dagli schemi mentali che esso si è imposto, lo psicoterapeuta potrà lavorare su problematiche, patologie e disturbi andando ad agire sulla radice del problema. Questa tecnica risulta particolarmente efficace per il trattamento di problematiche di natura psicologica particolarmente importanti e invalidanti.

Quali sono le tecniche dell'ipnosi?

Lo psicoterapeuta che decide di trattare i propri pazienti tramite l'ipnosi deve conoscere le diverse tecniche e deve saperle applicare.
Non solo, uno specialista deve decidere, in base alle problematiche manifestate dal paziente, quale sia la tecnica che più gli si addice. Prima di capire come e in che modo esse vengano impiegate, è necessario citare le cinque tecniche principali di ipnosi:

  • Ancoraggio;
  • Affect bridge;
  • Fast Phobias Tecnique;
  • Ipnosi metaforica;
  • Progressione;
  • Ristrutturazione;
  • Regressione;
  • Suggestioni;
  • Visualizzazione.
Dottor Marco Marzaduri

È opportuno sottolineare che, uno psicoterapeuta, prima di sottoporre il paziente ad una seduta di ipnosi, qualsiasi sia la tecnica utilizzata, dovrà necessariamente tenere un colloquio con esso nel quale spiegherà con precisione ciò che avverrà nella seduta. Questo avrà due vantaggi principali. Il primo è sicuramente la tranquillità del paziente nell'approccio con l'ipnosi e con le tecniche ad essa legate. In secondo luogo, se il soggetto si pone in uno stato psicologico di tranquillità ciò che potrà emergere durante la seduta di ipnosi potrà essere maggiormente trasparente e veritiero. Questo permetterà di effettuare un'analisi maggiormente dettagliata della psiche e delle problematiche che il paziente manifesta.